La seduta di fisioterapia nella pratica


Al primo appuntamento, il fisioterapista si interesserà alla storia clinica del paziente (anamnesi). Pur disponendo della diagnosi ed eventualmente dell’esclusione di una diagnosi fatta dal medico, il fisioterapista deve stabilire una diagnosi fisioterapica  attraverso un esame clinico mirato. Questa diagnosi o bilancio iniziale realizzato con l’aiuto di test fisici e di misurazioni specifiche, gli permetterà di determinare quali sono i malesseri, le attitudini e i limiti del paziente.

Una volta effettuato questo bilancio, il fisioterapista può fissare le modalità del trattamento per raggiungere gli obbiettivi terapeutici desiderati. Questo percorso è deciso in accordo con il paziente o con i suoi parenti, in funzione dei suoi bisogni, delle sue aspettative,  del suo stato di salute e delle sue capacità.


Nel corso delle sedute, il fisioterapista riesaminerà regolarmente il paziente per controllarne i progressi, i risultati ed adattarne il trattamento.


Il paziente riceve consigli personalizzati da applicare nel quotidiano; spesso gli sarà richiesta una partecipazione attiva in forma di esercizi o posture da fare regolarmente a casa.

La collaborazione fra medico e fisioterapista è molto importante per garantire l’idoneità delle cure; avviene soprattutto attraverso la comunicazione diretta fra i due.

 

Vedi anche :

Ricerca generale

 

Cerca un fisioterapista

ASPI Association Suisse des Physiothérapeutes Indépendants
SVFP Schweizerischer Verband Freiberuflicher Physiotherapeuten
ASPI
Associazione Svizzera Fisiatri Indipendenti

 

contact(a)aspi-svfp.ch, route du lac 2, 1094 Paudex - tel. 058 796 33 85 - fax 058 796 33 82


 
Il tuo prodotto è stato aggiunto al tuo carrello